INDICE NOMI E ARGOMENTI

A. Zakin (1) Ah che sarà (1) Alegria - Jeux D'enfants (1) Alexiou H. (1) ambiente di apprendimento (1) arti figurative (1) Ave Maria (1) Bach J. S. (2) Baez J. (1) Baez Joan (2) Balletto (1) Barber S. (1) Battiato Franco (2) Berceuse (1) Bizet (1) Blige M.J. (1) Bollani Stefano (1) Brahim Djelloul A. (1) Brahms J. (1) Brel Jacques (1) Buarque Chico (1) Buckley Jeff (1) cacciatore (Il) (1) Callas Maria (1) canzone dei vecchi amanti (La) (1) Canzoni (1) Carmen (1) Carta Maria (1) Cartoni animati (1) Casale Rossana (1) Cavatina (1) Celentano (1) censura (1) Chang Sarah (2) Che cosa sono le nuvole? (1) Children of bodom (1) Chitarra (1) Chopin (1) Cinema (9) Circo (1) Cirque du Soleil (1) Cocciante Riccardo (1) Cohen Leonard (1) Colazione da Tiffany (1) colonna sonora (4) comunicazione (1) Conte P. (2) cortometraggi (1) Cortot (1) Crow Shervyl (1) Cyberdemocrazia (1) cyberpolitica (1) Davoli N. (1) De André Fabrizio (3) de los Ángeles V. (1) De Sarasate Pablo (1) Devia M. (1) Dolcenera (1) Donizetti (1) Edith Piaf (1) Edwards Blake (1) Elisa (1) Estefan Gloria (1) European Jazz Trio (1) Fassbaender Brigitte (1) Faure G. (1) Ferri Roberto (1) Flauto magico (1) Fo Dario (1) Fogliani A. (1) Fossati Ivano (2) Gaber Giorgio (2) Garanca E.Shorter W. (1) Gheorghiu A. (1) Gillespie D. (1) Giulini C.M. (1) Gluck Christoph Willibald (1) Goldoni Carlo (1) Google (1) Gréco Juliette (1) Hallelujah (1) Händel G. F. (1) Haydn Franz Joseph (1) Helfgott David (1) Hepburn Audrey (1) Heynis A. (1) Horne Marilyn (2) Horowitz V. (1) Horowitz Vladimir (1) I. Stern (1) ICT (1) Il Circo della Farfalla (1) informazione (1) Inni nazionali (1) Integrazione (1) Internet (1) Isoir André (1) ITC (1) Jackson Michael (1) Jannacci Enzo (1) Jazz (1) Jenkins Katherine (1) Jenssen Amanda (1) Jovanotti (1) Jovi Bon (1) Kalmàr M. (1) Karajan Herbert von (1) Kissin Evgeny (1) Koopman Ton (1) L. Serra (1) Lee Ragin D. (1) Leonhardt Gustav (1) libertà (1) LIM (3) lirica (1) Liszt (1) Litton Andrew (1) Lloyd Webber J. (1) M. Legrand (1) Mahler Gustav (1) Makeba M. (1) Mannoia Fiorella (1) mappa concettuale (1) Mappa mentale (1) Marcon A. (1) Maria Stuarda (1) Marton E. (1) Massenet Jules (1) metal (1) Mina (1) Morricone Ennio (1) Mottetto (1) Mouskouri N. (1) Mozart (2) Musica (38) musicisti di strada (1) Nascimento Milton (1) Nava Mariella (2) Neruda Pablo (1) nordafrica (1) Norman J. (1) Notre Dame de Paris (1) notturno (1) Nulla in Mundo Paz Sincera (1) Oh che sarà (1) Opera (2) Opera lirica (1) Orfeo ed Euridice (1) Parigi (2) Parsons G. (1) Pasolini (5) Perlman I. (1) Petibon P. (1) Petitbon Patricia (1) Philipe Gérard (1) pianoforte (2) Poesia (2) Poesie d'amore (1) Pravo Patty (1) Price L. (1) Rachmaninov Sergej Vasil'evič (1) ragazza sul ponte (La) (1) religione (1) responsabilità (1) rete (1) Ricotta(La) (1) rock (2) Röschmann D. (1) Ruggiero Antonella (1) Sacco e Vanzetti (1) Salinas Pedro (1) Sandor F. (1) Schubert (1) Schweitzer Albert (1) Secretary (1) Shainberg Steven (1) società (1) Spinetti Ferruccio (1) Sting (1) Streisand B. (1) Suite francese n.5 (1) Thais (1) The windmills of your mind (1) TIC (1) Tortelier Y-P. (1) Toscanini A. (1) Totò (1) U2 (1) Vaglio Mariangela Galatea (1) Vai Steve (1) Verrett Shirley (1) Vie En Rose (La) (1) Villa-Lobos H (1) Villon Fraçois (1) Vivaldi (2) Voegele Kate (1) Welles O. (1) Williams J. (2) Zigeunerweisen (1) Zimerman Krystian (1)

25 ott 2011

STING

Whenever I Say Your Name (Sting e Mary J. Blige)

Why Should I Cry For You


Fragile


Cool Breeze


Lullaby to an anxious child


If I Ever Lose My Faith In You
Fields Of Gold


Shape Of My Heat


Ain't No Sunshine
They Dance Alone
Russians Live 2010 (Traduzione significato e testi italiano ed inglese) 


Una risposta di Sting al famoso argomento usato durante la guerra fredda secondo cui le armi nucleari erano necessarie all'occidente come deterrente alla minaccia sovietica.
La risposta ("E se anche i russi amassero i loro figli?") è ovviamente provocatoria e vuole sottolineare che anche dall'altra parte la paura di una guerra nucleare era la stessa.

"Oppenheimer's deadly toy" (il giocattolo di morte di Oppenheimer) è la bomba atomica della quale il fisico statunitense Robert Oppenheimer è considerato uno dei padri. Dopo la guerra Oppenheimer divenne un fiero oppositore dell'utilizzo delle armi nucleari. La musica è basata su Lieutenant Kije Suite, Op. 60 (part II "Song") di Sergei Prokofiev.**
- In Europa ed America c'è un crescente sentimento d'isteria
Condizionato dal rispondere a tutte le minacce
Nei retorici discorsi al Soviet
Il signor Krushchev ha detto "Vi seppelliremo"
Non sottoscrivo questo punto di vista
Sarebbe una cosa ignorante da fare
Se anche i russi amano i propri figli
Come posso salvare il mio giovanotto (*)
dal giocattolo mortale di Oppenheimer?
Non c'è monopolio del senso comune
Da entrambi i lati dello steccato politico
Dividiamo la stessa biologia
noncuranti dell'ideologia
Credetemi quando vi dico
Spero che anche i russi amino i propri figli
Non ci sono precedenti storici
per mettere le parole in bocca al presidente
Non esiste niente di simile ad una guerra che si può vincere
È una bugia a cui noi non crediamo più
Il signor Reagan dice "Vi proteggeremo"
Non sottoscrivo questo punto di vista
Credetemi quando vi dico
Spero che anche i russi amino i loro figli
Noi dividiamo la stessa biologia
Noncuranti dell'ideologia
Quello che potrà salvarci, me e te
è se i russi amano anche loro i propri figli

~ Translation from Italian into English text ~
-**An answer to the popular argument used by Sting during the Cold War that nuclear weapons were necessary to deter the Soviet threat to the West.
The answer ("What if the Russians loved their children?") Is obviously provocative and wants to emphasize that even the other side of the fear of nuclear war was the same.

"Oppenheimer's deadly toy" (the toy Oppenheimer's death) is the atomic bomb which the American physicist Robert Oppenheimer is one of the fathers. After the war, Oppenheimer became a fierce opponent of the use of nuclear weapons. The music is based on Lieutenant Kije Suite, Op 60 (Part II "Song") by Sergei Prokofiev**
- In Europe and America there's a growing feeling of hysteria
Conditioned to respond to all the threats
In the rhetorical speeches of the Soviets
Mister Krushchev said "We will bury you"
I don't subscribe to this point of view
It'd be such an ignorant thing to do
If the Russians love their children too
How can I save my little boy
From Oppenheimer's deadly toy?
There is no monopoly on common sense
On either side of the political fence
We share the same biology
Regardless of ideology
Believe me when I say to you
I hope the Russians love their children too
There is no historical precedent to put
Words in the mouth of the president
There's no such thing as a winnable war
It's a lie we don't believe anymore
Mister Reagan says "We will protect you"
I don't subscribe to this point of view
Believe me when I say to you
I hope the Russians love their children too
We share the same biology
Regardless of ideology
What might save us, me and you
Is if the Russians love their children too

Nessun commento:

Posta un commento