INDICE NOMI E ARGOMENTI

A. Zakin (1) Ah che sarà (1) Alegria - Jeux D'enfants (1) Alexiou H. (1) ambiente di apprendimento (1) arti figurative (1) Ave Maria (1) Bach J. S. (2) Baez J. (1) Baez Joan (2) Balletto (1) Barber S. (1) Battiato Franco (2) Berceuse (1) Bizet (1) Blige M.J. (1) Bollani Stefano (1) Brahim Djelloul A. (1) Brahms J. (1) Brel Jacques (1) Buarque Chico (1) Buckley Jeff (1) cacciatore (Il) (1) Callas Maria (1) canzone dei vecchi amanti (La) (1) Canzoni (1) Carmen (1) Carta Maria (1) Cartoni animati (1) Casale Rossana (1) Cavatina (1) Celentano (1) censura (1) Chang Sarah (2) Che cosa sono le nuvole? (1) Children of bodom (1) Chitarra (1) Chopin (1) Cinema (9) Circo (1) Cirque du Soleil (1) Cocciante Riccardo (1) Cohen Leonard (1) Colazione da Tiffany (1) colonna sonora (4) comunicazione (1) Conte P. (2) cortometraggi (1) Cortot (1) Crow Shervyl (1) Cyberdemocrazia (1) cyberpolitica (1) Davoli N. (1) De André Fabrizio (3) de los Ángeles V. (1) De Sarasate Pablo (1) Devia M. (1) Dolcenera (1) Donizetti (1) Edith Piaf (1) Edwards Blake (1) Elisa (1) Estefan Gloria (1) European Jazz Trio (1) Fassbaender Brigitte (1) Faure G. (1) Ferri Roberto (1) Flauto magico (1) Fo Dario (1) Fogliani A. (1) Fossati Ivano (2) Gaber Giorgio (2) Garanca E.Shorter W. (1) Gheorghiu A. (1) Gillespie D. (1) Giulini C.M. (1) Gluck Christoph Willibald (1) Goldoni Carlo (1) Google (1) Gréco Juliette (1) Hallelujah (1) Händel G. F. (1) Haydn Franz Joseph (1) Helfgott David (1) Hepburn Audrey (1) Heynis A. (1) Horne Marilyn (2) Horowitz V. (1) Horowitz Vladimir (1) I. Stern (1) ICT (1) Il Circo della Farfalla (1) informazione (1) Inni nazionali (1) Integrazione (1) Internet (1) Isoir André (1) ITC (1) Jackson Michael (1) Jannacci Enzo (1) Jazz (1) Jenkins Katherine (1) Jenssen Amanda (1) Jovanotti (1) Jovi Bon (1) Kalmàr M. (1) Karajan Herbert von (1) Kissin Evgeny (1) Koopman Ton (1) L. Serra (1) Lee Ragin D. (1) Leonhardt Gustav (1) libertà (1) LIM (3) lirica (1) Liszt (1) Litton Andrew (1) Lloyd Webber J. (1) M. Legrand (1) Mahler Gustav (1) Makeba M. (1) Mannoia Fiorella (1) mappa concettuale (1) Mappa mentale (1) Marcon A. (1) Maria Stuarda (1) Marton E. (1) Massenet Jules (1) metal (1) Mina (1) Morricone Ennio (1) Mottetto (1) Mouskouri N. (1) Mozart (2) Musica (38) musicisti di strada (1) Nascimento Milton (1) Nava Mariella (2) Neruda Pablo (1) nordafrica (1) Norman J. (1) Notre Dame de Paris (1) notturno (1) Nulla in Mundo Paz Sincera (1) Oh che sarà (1) Opera (2) Opera lirica (1) Orfeo ed Euridice (1) Parigi (2) Parsons G. (1) Pasolini (5) Perlman I. (1) Petibon P. (1) Petitbon Patricia (1) Philipe Gérard (1) pianoforte (2) Poesia (2) Poesie d'amore (1) Pravo Patty (1) Price L. (1) Rachmaninov Sergej Vasil'evič (1) ragazza sul ponte (La) (1) religione (1) responsabilità (1) rete (1) Ricotta(La) (1) rock (2) Röschmann D. (1) Ruggiero Antonella (1) Sacco e Vanzetti (1) Salinas Pedro (1) Sandor F. (1) Schubert (1) Schweitzer Albert (1) Secretary (1) Shainberg Steven (1) società (1) Spinetti Ferruccio (1) Sting (1) Streisand B. (1) Suite francese n.5 (1) Thais (1) The windmills of your mind (1) TIC (1) Tortelier Y-P. (1) Toscanini A. (1) Totò (1) U2 (1) Vaglio Mariangela Galatea (1) Vai Steve (1) Verrett Shirley (1) Vie En Rose (La) (1) Villa-Lobos H (1) Villon Fraçois (1) Vivaldi (2) Voegele Kate (1) Welles O. (1) Williams J. (2) Zigeunerweisen (1) Zimerman Krystian (1)

23 mag 2011

Poesia: poesie d'amore

Il modo in cui io t’amo

Non t'amo come se fossi rosa di sale, topazio
o freccia di garofani che propagano il fuoco:
t'amo come si amano certe cose oscure,
segretamente, tra l'ombra e l'anima.

T'amo come la pianta che non fiorisce e reca
dentro di sé, nascosta, la luce di quei fiori;
grazie al tuo amore vive oscuro nel mio corpo
il concentrato aroma che ascese dalla terra.

T'amo senza sapere come, né quando, né da dove,
t'amo direttamente senza problemi né orgoglio:
così ti amo perché non so amare altrimenti

che così, in questo modo in cui non sono e non sei,
così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno.
(Pablo Neruda)
Se tu mi dimentichi
Voglio che tu sappia
Una cosa
Tu sai com’è questa cosa:
se guardo
la luna di cristallo, il ramo rosso
del lento autunno alla mia finestra,
se tocco
vicino al fuoco
l’impalpabile cenere
o il rugoso corpo della legna,
tutto mi conduce a te,
come se ciò che esiste
aromi, luce, metalli,
fossero piccole navi che vanno
verso le tue isole che m’attendono.
Orbene
se a poco a poco cessi di amarmi
cesserò d’amarti poco a poco.
"Se d’improvviso
mi dimentichi,
non cercarmi,
chè già ti avrò dimenticata"
Se consideri lungo e pazzo
il vento di bandiere
Che passa per la mia vita
e ti decidi
a lasciarmi sulla riva
del cuore in cui ho le radici,
pensa
che in quel giorno,
in quell’ora,
leverò in alto le braccia
e le mie radici usciranno
a cercare altra terra.
Ma
se ogni giorno,
ogni ora
senti che a me sei destinata
con dolcezza implacabile.
Se ogni giorno sale
alle tue labbra un fiore a cercarmi,
ahi, amor mio, ahi mia,
in me tutto quel fuoco si ripete,
in me nulla si spegne né si dimentica,
il mio amore si nutre del tuo amore, amata,
e finchè tu vivrai starà tra le tue braccia
senza uscire dalle mie.
(Pablo Neruda)
Il tuo sorriso
 Toglimi il pane, se vuoi,
toglimi l’aria, ma
non togliermi il tuo sorriso.
Non togliermi la rosa,
la lancia che sgrani,
l’acqua che d’improvviso
scoppia nella tua gioia,
la repentina onda
d’argento che ti nasce.
Dura è la mia lotta e torno
con gli occhi stanchi,
a volte, d’aver visto
la terra che non cambia,
ma entrando il tuo sorriso
sale al cielo cercandomi
ed apre per me tutte
le porte della vita.
Amor mio, nell’ora
più oscura sgrana
il tuo sorriso, e se d’improvviso
vedi che il mio sangue macchia
le pietre della strada,
ridi, perché il tuo riso
sarà per le mie mani
come una spada fresca.
Vicino al mare, d’autunno,
il tuo riso deve innalzare
la sua cascata di spuma,
e in primavera, amore,
voglio il tuo riso come
il fiore che attendevo,
il fiore azzurro, la rosa
della mia patria sonora.
Riditela della notte,
del giorno, della luna,
riditela delle strade
contorte dell’isola,
riditela di questo rozzo
ragazzo che ti ama,
ma quando apro gli occhi
e quando li richiudo,
quando i miei passi vanno,
quando tornano i miei passi,
negami il pane, l’aria,
la luce, la primavera,
ma il tuo sorriso mai,
perché io ne morrei.
(Pablo Neruda)

Ho fame della tua bocca
(Pablo Neruda)

Quello che ti chiedo (Pedro Salinas)
Ragion nell'alma siede..
Ragion nell'alma siede,
regina dei pensieri,
ma si disarma e cede,
se la combatte amor.
E amor, se occupa il trono,
di re si fa tiranno,
e sia tributo o dono,
vuol tutto il nostro cor. 
(tratto da "Il mondo della luna", dramma giocoso di Franz Joseph Haydn su libretto di Carlo Goldoni)

(canta Patricia Petitbon)

Nessun commento:

Posta un commento